Mar Rosso: imperversa la minaccia Houthi

I ribelli Houthi filo-iraniani dello Yemen continuano a minacciare le navi nel Mar Rosso, in particolare quelle dirette a Israele o collegate allo Stato ebraico per aumentare la pressione su Tel Aviv affinché interrompa l’assedio di Gaza. L'Italia invierà con due mesi di anticipo la fregata «Virginio Fasan» nell’ambito dell’operazione Prosperity Guardian per garantire la protezione dei traffici mercantili.

Open

Cookies: cambiamenti per Google

Google ha annunciato che disabiliterà i cookies a 30 milioni di utenti di Chrome per iniziare a sostituire i cookies con un sistema di tracciamento più rispettoso della privacy degli utenti, secondo il progetto Privacy Sandbox. I cookies verranno sostituiti da un set di strumenti che consentirà al browser stesso di monitorare le attività online senza ottenre maggiori informazioni sull'identità degli utenti.

Wired

Corea de Nord: missile a lungo raggio nel mar del Giappone

Si tratta, secondo il ministero della Difesa giapponese, di un missile balistico intercontinentale (ICBM) in grado di trasportare una testata nucleare a diverse migliaia di chilometri di distanza. Il missile, dopo un volo di 73 minuti è precipitato in mare a circa 250 chilometri a ovest dell’isola di Okushiri, che si trova nella regione giapponese di Hokkaido. Si tratta del quinto test di lanci di missili balistici intercontinentali.

Il Post

Gaza: individuato il più grande tunnel di Hamas

Domenica 17 dicembre le forze armate israeliane hanno coperto quello che hanno definito il più grande tunnel mai costruito da Hamas, nel nord della Striscia di Gaza, vicino al valico di frontiera con Israele di Erez. Secondo le Idf, il tunnel ha diverse diramazioni e incroci, insieme a linee idrauliche, elettriche e di comunicazione.

Agenzia nova

Segretario generale delle Nazioni Unite: necessario cessate il fuoco a Gaza

Dopo che Israele ha iniziato a invadere il sud della Striscia di Gaza il 4 dicembre, migliaia di civili palestinesi si stanno dirigendo verso il varco di Rafah, al confine con l'Egitto, l’unico passaggio via terra attivo tra la Striscia di Gaza e l’estero, seguendo gli ordini di evacuazione dell’esercito israeliano. Secondo Domenica António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, se Israele e Hamas non raggiungono un accordo per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza si potrebbe assistere a «un collasso dell’intero sistema umanitario».

Il Post

Raggiunto accordo sull'AI Act

Le istituzioni Ue hanno raggiunto un accordo sull'AI Act, dopo un lungo negoziato. L'obiettivo della normativa è regolare l'Intelligenza Artificiale e garantire che protegga e rispetti diritti fondamentali, democrazia e sostenibilità ambientale. In particolare, l'approccio seguito è basato sul rischio: più elevato è, più ferree sono le regole che regolano l'IA. Per esempio, l'uso del riconoscimento facciale sarà limitato a casi specifici.

Ansa

 

Alleanza Meta-Ibm per Intelligenza Artificiale

Ibm e Meta hanno lanciato la prima community volta a promuovere un’Intelligenza Artificiale aperta, sicura e responsabile, AI Alliance. Sono 50 i membri fondatori, tra organizzazioni di riferimento, istituzioni accademiche, startup, realtà istituzionali. Nella piattaforma, si potranno condividere e sviluppare soluzioni adatte alle esigenze di ricercatori, sviluppatori e utenti di tutto il mondo.

Corriere Comunicazioni

 

Ucraina: nuovi aiuti militari dagli USA

I nuovi aiuti militari degli Stati Uniti all’Ucraina ammontano a 175 milioni di dollari, attingendo alle ormai limitate risorse a disposizione. Il pacchetto comprende, tra le altre cose, munizioni per la difesa aerea, per l'artiglieria ad alta mobilità, missili anti-radiazioni ad alta velocità, missili anti-tank, attrezzature per proteggere le infrastrutture critiche.

Open

Intelligence tedesca: infiltrata una spia russa

Nel dicembre 2022 un dirigente della Bnd, l’agenzia di intelligence esterna della Germania, è stato arrestato con l'accusa di essere una spia russa. Ad oggi, le conseguenze delle sue azioni sono più gravi del previsto e potrebbero ripercuotersi anche sui Servizi alleati. Infatti, secondo “Der Spiegel”, la spia avrebbe informato i suoi referenti che l’intelligence occidentale era riuscita a violare la chat interna di Wagner. Come conseguenza, i mercenari avrebbero  ridotto l’utilizzo del servizio di messaggistica, denominato Kod, causando la “perdita di informazioni di importanza eccezionale”.

Agenzia nova

È finita anche la tregua cyber tra Israele e Hamas

Dalla fine della tregua, si sono già verificati diversi attacchi hacker contro istituzioni e aziende israeliani. In particolare, due collettivi di hacktivisti hanno rivendicato le operazioni: Hacktivist of Garuda, di origine indonesiana, specializzato in web defacement, VulzSec, probabilmente sempre indonesiano, che ha pubblicato dati sensibili e effettuato attacchi DDoS.

Formiche